Mastopessi - Lifting del Seno

 

Durata 90-120 min  Degenza 1 giorno  Convalescenza riposo per 5-7 giorni, recupero completo in 4-6 settimane

Esami richiesti:

 

  • esami di routine (prelievo di sangue, rx torace,ecg)

  • ecografia mammaria, se necessario mammografia

 

Post operatorio:

 

  • reggiseno contenitivo per circa 4 settimane

Che cos'è la mastopessi o lifting del seno?
 

La mastopessi o lifting del seno è un intervento chirurgico mirato a ridare forma e tono al seno in quei casi in cui le mammelle risultano cadenti (ptosiche) e svuotate in seguito a dimagrimento, allattamento o semplicemente per il processo di invecchiamento dei tessuti.

 

Quando è utile efttuare un intervento di mastopessi?

 

Esistono vari gradi ptosi (rilassamento) mammario a seconda della conformazione del seno e della posizione del complesso areola-capezzolo rispetto al solco sottomammario.

Normalmente le mammelle presentano una ptosi fisiologica, quando questa aumenta si classifica in e tre gradi: ptosi lieve, moderata e severa.

Esiste inoltre una pseudoptosi in cui il rilassamento interessa solo il polo inferiore della mammella ed il complesso areola-capezzolo è ad un altezza fisiologica.

 

L'intervento è consigliato in tutti quei casi in cui la ptosi determina un aspetto delle mammelle cadenti e quando si vuole ridare tono ad un seno sciupato dall'allattamento o da un importante dimagrimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In che consiste l'intervento?

 

La correzione della ptosi prevede il riposizionamento in alto dell’areola e del capezzolo e l’asportazione della pelle in eccesso che è causa della ptosi con il riposizionamento del tessuto mammario più in alto.

A seconda del caso, quindi del grado di ptosi e dell’obiettivo da raggiungere, si possono scegliere diverse tecniche chirurgiche per ottenere il miglior risultato possibile.

 

 

È possibile anche aumentare la taglia del seno?

 

Durante l'intervento di mastopessi  è possibile anche aumentare la taglia del seno con l'utilizzo di una                                     per ridare volume lì dove si è avuta una riduzione o semplicemente per avere un decoltè più prosperoso.

 

 

Tecniche chirurgiche

 

Esistono numerose tecniche chirurgiche per questo tipo di intervento, tutte prevedono delle cicatrici localizzate sul bordo esterno dell’areola, in altri casi cicatrici dal bordo inferiore al solco mammario ed infine nei casi più importanti anche delle cicatrici a livello del solco mammario.

 

L'intervento consiste nel riposizionamento del complesso areola capezzolo ad una latezza fisiologica, asportazione della cute in eccesso e riposizionamento della ghiandola mammaria. 

 

Come per tutti gli interventi chirurgici le cicatrici saranno più o meno evidenti a seconda del tipo di cicatrizzazione della paziente ed andranno a migliorare nel tempo in un arco di 6-8 mesi.